Addominoplastica Tunisia: tutto quello che bisogna sapere sulla chirurgia addominale!

Un ventre piatto e privo di difetti contribuisce innegabilmente all'armonia della silhouette. Sfortunatamente, dopo una gravidanza o una significativa perdita di peso, sull'addome possono rimanere dei segni, come l'eccesso di pelle o di grasso. In tale situazione l'addominoplastica è indicata per correggere queste tracce antiestetiche. Infatti, questo intervento di chirurgia estetica consente di rimuovere l’eccesso di pelle e di grasso localizzati tra l'ombelico e il pube. L'addominoplastica in Tunisia, che è la chirurgia addominale più completa, può essere utilizzata sia come chirurgia estetica che come chirurgia ricostruttiva.


1.Qual è il principio di un’addominoplastica?


L'addominoplastica è ormai la chirurgia del corpo di riferimento per restituire all’addome un'estetica gradevole. Infatti, durante questa operazione, il chirurgo procede con l’aspirazione del surplus adiposo, la rimozione della pelle in eccesso ma anche con il riassestamento dell'addome rinforzando i muscoli della parete addominale. Esistono due tipi di addominoplastica, una completa e una mini- addominoplastica.

1.1. Le tappe precedenti all’addominoplastica:


 Prima di un intervento di addominoplastica deve essere organizzato un appuntamento preoperatorio per fare il punto con il chirurgo sulla necessità dell'operazione e sulla sua fattibilità. Durante questo appuntamento il chirurgo valuterà quindi se una sola addominoplastica sarà sufficiente per dare all'addome l'aspetto atteso o, nel caso in cui il paziente abbia molto grasso, se debba essere associata anche la liposuzione dell’addome. Il chirurgo estetico può anche constatare, dopo aver esaminato il paziente, che la sola liposuzione sarà sufficientemente efficace, quando il candidato all'addominoplastica ha un eccesso cutaneo contenuto.

Una volta confermata la fattibilità dell'intervento, verrà organizzato un colloquio con l'anestesista per l'intervento, che si svolgerà in anestesia generale. Sarà prescritto un esame del sangue completo. Ai pazienti verrà inoltre consigliato di interrompere l'assunzione di farmaci antinfiammatori o contenenti aspirina. Per quanto riguarda i pazienti, dovranno smettere di fumare almeno un mese prima dell'operazione.

1.2. L’addominoplastica completa sul piano tecnico:


Questo tipo di addominoplastica è consigliato quando il rilassamento cutaneo è molto importante. Ma anche quando la pelle presenta importanti difetti cutanei o la parete addominale è danneggiata e presenta una diastasi. Durante un'addominoplastica in Tunisia, il chirurgo inizierà l'operazione con la liposuzione dell'intero addome. In secondo luogo, allenterà i tessuti cutanei e adiposi fino al bordo superiore dell'area dello stomaco. Si procederà quindi a rimettere in tensione i muscoli addominali, solitamente all'origine della protrusione dell’addome. Ristringerà inoltre, se necessario, i muscoli retti addominali per rimediare ad eventuali diastasi. Infine, rimuoverà la pelle in eccesso situata tra il pube e l'ombelico ed eseguirà un lifting dell’addome con una trasposizione dell'ombelico (a differenza della mini-addominoplastica). 

Per quest'ultimo passaggio, il chirurgo generalmente opta per una procedura chiamata “alta tensione superiore”. Quest'ultima permette di distribuire le tensioni esercitate sulla pelle ridistesa e sulla cicatrice dell’ incisione. La cicatrice ottenuta è quindi bassa, senza tensione, e più discreta.

1.3. La mini - addominoplastica sul piano tecnico:


Questo tipo di addominoplastica è indicata quando il paziente ha un rilassamento cutaneo minimo. Rispetto ad un'addominoplastica completa, quest'ultima riduce infatti il rischio di sanguinamento, offre una cicatrice più discreta e comporta un tempo di convalescenza più breve. Nel dettaglio, durante l'intervento, il chirurgo rimuoverà la pelle in eccesso nella zona sotto l'ombelico, senza toccare i muscoli retti addominali. Tuttavia, se la massa grassa è significativa, il chirurgo eseguirà una liposuzione dell’addome prima di eseguire la procedura. Aspirerà quindi il grasso in eccesso utilizzando cannule molto fini, quindi effettuerà un'incisione a livello dei  peli pubici in modo da staccare la pelle e rimuovere più facilmente i tessuti in eccesso o danneggiati. La lunghezza dell'incisione dipenderà dall'entità del rilassamento. Infine, il chirurgo ridistende la pelle, generalmente, sopra l'ombelico, senza trasposizione di quest'ultimo.


2. Cosa deve aspettarsi il paziente dopo un’addominoplastica? 


Un’addominoplastica, come tutti gli interventi di chirurgia estetica, implica delle indicazioni post-operatorie. Considerati più o meno sgradevoli, sono comunque inevitabili e per nulla insormontabili, anche per i pazienti con soglia del dolore molto bassa.

2.1 Il decorso post-operatorio subito dopo l’intervento:


Dopo un'addominoplastica, i pazienti devono aspettarsi di provare un dolore moderato, ben gestito con antidolorifici prescritti dal chirurgo estetico. Compariranno dei lividi e edemi dopo l’intervento, ma si attenueranno nelle settimane successive all'operazione. Inoltre, è importante precisare che la sensazione di disagio è maggiore quando l'addominoplastica ha coinvolto anche i muscoli addominali. Infine, un bendaggio compressivo e dei drenaggi dovrebbero essere mantenuti per due giorni.

2.2 Gli obblighi pratici dopo un’addominoplastica:


Un'addominoplastica comporta alcuni obblighi pratici che sono tuttavia essenziali per una buona cicatrizzazione. Pertanto, dopo aver rimosso il bendaggio compressivo, il paziente deve indossare una guaina compressiva 24 ore al giorno, per un mese. Inoltre, questo periodo è esteso a due mesi quando l'intervento è finalizzato alla riparazione muscolare. Dal punto di vista professionale, i pazienti possono considerare di riprendere le loro attività dopo due o quattro settimane. Il ritorno alla pratica sportiva richiede invece un periodo più lungo, generalmente almeno due mesi.

2.3. Il risultato ottenuto dopo un’addominoplastica:


L'addominoplastica è un intervento che offre risultati soddisfacenti, tuttavia, per poterli osservare, i pazienti devono avere pazienza. Infatti, sebbene i primi benefici siano osservabili al termine dell'intervento, con la scomparsa del grembiule addominale e degli accumuli adiposi localizzati, un'addominoplastica prevede un periodo dai due ai tre mesi per poter beneficiare di un risultato vicino alla forma definitiva. Dopo questo tempo, i pazienti possono vedere che la loro pancia è più piatta e la loro pelle più bella. Sono già segni quindi di una grande soddisfazione. Tuttavia, per vedere il risultato finale, il periodo generalmente constatato è di un anno. La pelle, infatti, ha bisogno di tempo per ritrarsi e ritrovare il suo aspetto originario. Ma il gioco vale la candela! E per una buona ragione, dopo un'addominoplastica, i rigonfiamenti e le smagliature sono scomparsi, il ventre è piatto e sodo. L'intera silhouette viene quindi migliorata, ritrovando una vera armonia.


3. Per quali pazienti è indicata un’addominoplastica?


Un’addominoplastica è quindi una operazione di chirurgia estetica in Tunisia che presenta numerosi benefici. Tuttavia, molti pazienti non osano farla perché pensano di non poterne beneficiare, sebbene questa operazione è rivolta a differenti profili di pazienti e non solo a quelli che hanno subito un intervento di chirurgia bariatrica. Pertanto, ci sono tre principali categorie di candidati all'addominoplastica: i pazienti che hanno subìto una importante perdita di peso, i pazienti di età superiore ai 40 anni e i pazienti con diastasi del retto addominale.

3.1. I pazienti che hanno subito un dimagrimento importante:


Nel corso della vita, sono molte le cause che possono portare a un significativo cambiamento di peso. C'è ovviamente la gravidanza, la dieta o la chirurgia bariatrica. Sfortunatamente, nonostante la perdita di peso, la figura può mantenere i segni di questo aumento di peso che generalmente si traduce in un eccesso di pelle, che viene indicato come "grembiule addominale". In queste circostanze, un'addominoplastica è l'operazione indicata poiché permette di cancellare questi antiestetici segni. Infatti, durante l'operazione, il chirurgo correggerà tutta la pelle in eccesso tra l'ombelico e il pube. L’addome riacquista quindi un aspetto piatto e la silhouette è aggraziata. Inoltre, consente ai pazienti finora ostacolati nelle loro azioni quotidiane da questa pelle in eccesso di ritrovare comfort e facilità nei movimenti.

3.2. I pazienti con più di 40 anni: 


Oltre i quarant'anni, un gran numero di uomini nota un eccesso di grasso localizzato nell'addome, che viene affettuosamente chiamato "brioche". Nelle donne, questo fenomeno di solito compare dopo la menopausa. Difficile da accettare, questo fenomeno crea dei complessi in un gran numero di pazienti, soprattutto perché lo sport è spesso inefficace. L'addominoplastica è quindi l'intervento indicato perché la sola liposuzione dell'addome, sufficiente per i pazienti più giovani, avrebbe risultati imprevedibili per le persone più mature. Infatti, con l'età, la pelle è molto meno elastica, il che complica il fenomeno della retrazione indispensabile per il successo della liposuzione. Inoltre, quando la massa grassa è importante, l'addominoplastica è generalmente associata a una liposuzione.

3.3. I pazienti che presentano una diastasi dei retti addominali:


Che sia congenita o successiva a una gravidanza, una diastasi del retto addominale (ovvero la separazione dei muscoli addominali) ha come effetto estetico una prominenza del ventre poco aggraziata e fonte di complessi per chi ne soffre. Un'addominoplastica è l'intervento ad hoc per risolvere questo problema perché corregge il cedimento della fascia addominale, rassodando i muscoli addominali. Inoltre, bisogna tener presente che, per ottenere dei risultati migliori, un'addominoplastica realizzata per correggere la diastasi è solitamente abbinata a un lifting dell’addome.

Preventivo on line gratuito e
senza impegno

phone